Francesco Comello

L’ISOLA DELLA SALVEZZA, 2014/15

Francesco Comello, nato a Udine nel 1963, rappresenta uno sguardo personale e riconoscibile nel panorama della fotografia italiana. Svolge la sua ricerca all’estero, in luoghi remoti. Conosce le culture dall’interno nel corso di lunghe permanenze sul posto. Con la sua fotografia dal bianco e nero intenso, dal forte impatto emotivo, si avvicina all’anima profonda delle realtà che sceglie di rappresentare.
La fotografia è tratta dall’opera L’Isola della Salvezza del 2014-15, un emozionante racconto di una comunità russa che vive in una regione a nord di Mosca in regime di autarchia, immersa in un’utopia ottocentesca. Accoglie 300 ragazzi in un’isola sociale separata dalla realtà del progresso, priva di tecnologia, in cui i ragazzi si salvano da una vita difficile all’esterno con preghiera, addestramento militare, lavoro agricolo, studio e lettura, ritrovando se stessi. La fotografia, composta in modo bilanciato e rigoroso, ci mostra uno dei membri della comunità che simbolicamente sembra osservare il suo possibile futuro; sullo sfondo, la sua realtà, il suo presente come forma di accoglienza e riscatto.

Scroll to Top